Carburante: gli idrocarburi liquidi
Il carburante e come funziona..
Anche nei carburanti esiste il mercato libero, e di conseguenza ogni distributore puo' fare il prezzo che vuole, dobbiamo quindi, - se vogliamo risparmiare - fare dei confronti continui fra le compagnie che ci offrono il prodotto; controllare giornalmente i vari prezzi in modo da riuscire a risparmiare un po'.

Col termine carburante si indica il combustibile usato per alimentare i motori a combustione, per esempio i motori delle auto a benzina o a disel; solitamente l'energia che si sviluppa dipende dal carbonio che non si combina con l'ossigeno; per miscelare e dosare queste due sostanze si usa un oggetto denominato "carburatore".

Nota che i veicoli moderni ormai il carburatore non lo usano piu' ma il principio utilizzato nei sistemi ad iniezione e' di base sempre lo stesso: una parte di carburante puro va mischiato con una parte di aria al fine di ottenere una miscela esplosiva che una volta nella camera di scoppio puo' essere fatta esplodere per ricavarci trazione..



Un carburante deve avere delle caratteristiche particolare a seconda del motore a cui e' destinato, in modo da ottenere una ottima combustione riducendo al minimo l'inquinamento nell'atmosfera; alcuni dei carburanti piu' conosciuti sono: gli idrocarburi tipo la benzina, metano, l'idrogeno ed altri.

Gli idrocarburi contengono atomi di carbonio e idrogeno e sono gli unici composti organici che non contengono un centro reattivo della molecola, sono compostiesclusivamente da C (carbonio) e H (idrogeno); quando aumenta il numero di atomi di C aumenta anche il numero di idrocarburi derivati; il metano e' composto da 1 atomo di C + 4 atomi di H .



Possiamo classificare gli idrocarburi a seconda del loro stato: solido, liquido o gassoso.

Idrocarburi solidi : sono quelli che vanno a costituire l'asfalto o il bitume idrocarburi liquidi: costituiscono il petrolio, il benzene, l'ottano, ecc.idrocarburi gassosi: sono il metano, propano, butano e altri.

Gli idrocarburi che piu' ci interessano sono: la benzina e il diesel che sono i carburanti che utilizziamo di piu' nell'uso quotidiano.

La benzina proviene dalla distillazione del petrolio a una temperatura compresa fra i 35 e 215 gradi; e' molto infiammabile, oleosa, di odore acre ed ha unacolorazione verdastra; il gasolio invece e' il residuo della distillazione.

Il petrolio viene lavorato nelle raffinerie (ne abbiamo diverse anche in Italia) e subisce tutte le varie fasi della distillazione; inizialmente vengono separati componenti piu' leggeri che sono i gas di petrolio liquefatti, brevemente detti GPL e i componenti pesanti che sono residui; la benzina e' un componente intermedio, il kerosene e' un componente leggero mentre il gasolio e' un componente pesante.

La benzina appena distillata deve essere trattata con idrogeno per eliminare lo zolfo in essa contenuto che e' molto dannoso per l'impianto successivo in cui verra' trattata per aumentare il numero di ottani.

Prima di essere immessa in commercio deve essere ancora lavorata e mischiata con altri prodotti infatti la benzina per poter essere commercializzata deve averedeterminate caratteristiche: deve essere volatile in modo da dare un avvio rapido al motore; deve avere una buona detonabilita' che e' dovuta al numero di ottani presenti.

Potremo continuare a parlare della benzina, ci sono diversi tipi di benzina, ma fondamentalmente a noi interessa la benzina commerciale, quella che troviamo nelle pompe, vorremmo capire, dato che ormai il costo e' altissimo come fare a risparmiare un po'.